Diatomee Fossili

diatomea

come antiparassitario Le diatomee fossili sono un dono della natura per migliorare in modo naturale la vita del pianeta

Ci sono migliaia di giacimenti nel mondo di queste alghe fossili della dimensione infinitesimale e dai molteplici usi e proprietà che solo di recente sono usciti dagli ambiti industriali per entrare in quelli dell’agricoltura e della salute naturale. Le diatomee fossili sono anche conosciute come farina fossile, terre diatomacee o kieselghur.

Sono ricavate da una roccia sedimentaria, la diatomite, che viene macinata finissima fino al di sotto della dimensione di 50 micron. In essa sono contenuti i gusci delle alghe diatomee vissute in ere antichissime ma ancora oggi diffusissime sia in mare che nelle acque dolci. Questi gusci, chiamati frustuli, sono di dimensioni veramente infinitesimali di pochi micron (millesimi di millimetro) e possono avere forme molto diverse fra di loro a seconda della specie. In comune hanno invece che questi gusci sono totalmente traforati e quindi utilizzati come elemento filtrante in lavorazioni industriali dopo un processo di calcinatura ad alta temperatura.

Noi di Bettergreen però non ci occupiamo qui di questo prodotto, ma della farina fossile naturale così com’è estratta dai giacimenti e finemente macinata. Essa si sta rivelando utile in agricoltura e nella salute degli animali domestici e delle persone.

              alcuni modi di utilizzo delle diatomee

come antiparassitario nella conservazione di granaglie. Il suo meccanismo di azione è allo stesso tempo di essiccante e di abrasivo ed evita lo svilupparsi di insetti nei silos;

può essere usato per migliorare il tuo terreno: aumenta la permeabilità ma allo stesso tempo assorbe acqua e la trattiene, cede una parte della sua silice sotto forma ionica assimilabile dalle radice e aiuta le piante a diventare più forti nei confronti delle malattie fungine;

è consigliato anche per uso alimentare perché rilascia all’organismo silicio organico e allo stesso tempo migliora la digestione e disintossica l’organismo.

 è utile per combattere i parassiti degli animali domestici e da fattoria quali pulci, zecche e pidocchi;    può essere applicato sulle piante come protezione dagli insetti e dal sole.

Tutti questi usi sono dovuti alla composizione chimica ricca in silicio, alla sua capacità igroscopica e infine alla sua azione meccanica abrasiva che offende il rivestimento coriaceo degli insetti e li disidrata portandoli alla morte.

Queste applicazioni delle diatomee fossili possono proteggere la casa, gli orti e i campi e migliorare lo stato del pianeta, perché ridurrebbero l’uso degli insetticidi chimici con un grande vantaggio per tutti e per l’ambiente.

Ogni anno milioni di tonnellate di pesticidi chimici vengono adoperate per sopprimere gli insetti e i loro residui entrano nel ciclo alimentare, in quello delle acque potabili, nei mari e infine restano nei terreni.

Le diatomee fossili hanno una comprovata efficacia da molti anni, sono innocue per umani e animali e non creano negli insetti forme di resistenza. Potrebbero sostituire tantissimi insetticidi:

il 55% della produzione di prodotti chimici è mirata a formiche, cimici e pidocchi, insetti su cui le diatomee fossili sono molto efficaci. Nella natura possiamo trovare le risorse per dare una possibilità di salvaguardare l’ambiente in cui viviamo.  

e diatomee fossili sono una di queste risorse e sono anche una risorsa abbondante e sostenibile.

  le diatomee viste al microscopio

  • L'allegato è vuoto o il tipo di articolo e l'allegato non corrispondono
  • L'allegato è vuoto o il tipo di articolo e l'allegato non corrispondono
  • L'allegato è vuoto o il tipo di articolo e l'allegato non corrispondono
  • L'allegato è vuoto o il tipo di articolo e l'allegato non corrispondono
  • L'allegato è vuoto o il tipo di articolo e l'allegato non corrispondono

PER AVERE INFORMAZIONI